Blu, Bologna e la cecità