Su «Lezioni di nuoto» di Rohinton Mistry. Parola di Rick Gekoski dal «Guardian»

Rohinton Mistry è l’unico autore al mondo che ha avuto ogni suo romanzo nella cinquina finale del Man Booker Prize. Un lungo viaggio (1991, ed. italiana Fazi 1999, traduzione di Chiara Vatteroni), Un perfetto equilibrio (1995, ed. italiana Mondadori 2002, traduzione di Maria Clara Pasetti) e Questioni di famiglia (2002, ed. italiana Mondadori 2003, traduzione di Maria Clara Pasetti) sono tutti ambientati nella comunità indiana dei parsi. Nato in India nel 1952 e dal 1975 prima residente e poi cittadino canadese, Mistry riconosce di avere una doppia cultura sia nella sua educazione sia nel suo sguardo: «Sono stato cresciuto nella mia cultura e nella mia famiglia. Per un periodo ho pensato che questa fosse la cultura occidentale, ma ora so che si trattava di qualcosa di diverso. Era la versione indiana dell’occidente ed era la mia». Magari questo potrebbe spiegare, almeno parzialmente, la fruibilità e il fascino che esercita sul pubblico occidentale, ma la sua voce ha forte in sé il richiamo della familiarità.

dsc_0968_69_70_tonemapped

A Mistry piace lavorare lentamente dall’interno verso l’esterno, partendo dalla famiglia, sviluppando i personaggi ed esplorando i luoghi dove si nascondono le faglie, e gradualmente allargando l’inquadratura ai fragili mondi sociali, culturali e politici abitati dai suoi personaggi. I romanzi hanno ritmi rilassati eppure non smarriscono mai l’attenzione rapita del lettore, i personaggi cambiano e si sviluppano passo passo, e le loro narrazioni intrecciate sono assolutamente coinvolgenti. Fortunatamente, non sono poi molti questi personaggi, li ricordiamo e li distinguiamo, e i dettagli della loro esperienza sono raccontati con la sensibilità del pittore. Mistry ha grande occhio e un cuore d’oro, e se il mondo che descrive è spesso crudele e capriccioso, i suoi personaggi hanno una rimarchevole capacità di sopravvivere.

Un perfetto equilibrio è il capolavoro di Mistry, sebbene Questioni di famiglia sia quasi altrettanto bello. Ma per i lettori forse sarebbe meglio tornare indietro al suo primo libro di racconti, elegantemente interrelati tra loro, Lezioni di nuoto (1987, traduzione di Chiara Vatteroni, Racconti edizioni 2016), nel quale la maggior parte dei temi e delle preoccupazioni di Mistry possono essere rintracciati in miniatura.

Rick-Gekoski-002Rick Gekoski è uno scrittore, presentatore, editore (The Sixth Chamber Press e The Bridgewater Press), un collezionista e un libraio di rarità editoriali statunitense-britannico. È stato più volte giudice del Man Booker Prize, insegna scrittura creativa di non-fiction alla Arvon Foundation ed è nel consiglio di amministrazione del PEN inglese.

Lezioni di nuoto, la scheda:

Non c’è teoria che tenga, non esiste manuale perfetto. Arrivati al limite dell’insegnamento, per forza di cose, ci si imbatte nella parabola del nuoto: per imparare a nuotare, si sa, non c’è altro metodo che buttarsi nell’acqua, direttamente e senza timore.

Le Lezioni di nuoto di Rohinton Mistry perseguono questa via. La piscina è lo scenario del Firozsha Baag, complesso residenziale situato ai margini di Bombay che è al contempo immaginario narrativo di tutto il percorso dell’autore indiano-canadese. Per entrarvi occorre un po’ di riscaldamento, certo, perché l’ingresso in acqua è di quelli gelidi, immersi come si è dalla prima pagina in un funambolico naufragare fra linguaggi e culture diverse, sapori e odori singolari, routine bizzarre e piccanti idiosincrasie fra le quali spiccano piccoli gesti, convinzioni e aspettative tipiche della minoranza parsi.
 
Ma a dialogare non sono soltanto i segmenti del più policromatico mosaico indiano, non solo le particolarità che rendono l’immonda spiaggia di Chaupatty più colorata delle profondità coralline delle Maldive; a ribaltarsi, a strizzarsi l’occhio, a spiarsi sono le stesse prospettive che compongono il materiale umano del compound. Rustomji-lo-spilorcio, il piccolo e timido Jehangir con i suoi francobolli, l’ayah di casa Jaakaylee e il fantasma che la perseguita, i mirabolanti racconti sportivi di Nariman, le ansie dei genitori di un certo scrittore senza nome.

Il microcosmo si fa così chiave di lettura del mondo. Ma con la magia della letteratura la rappresentazione in atto non mostra tanto l’esterno, facendoci respirare la stessa aria dei personaggi, quanto più l’intimità, portandoci al di qua dell’osservabile, nell’animo degli abitanti, nelle loro aspettative, in quell’universo trepidante aperto solo dalla nostalgia.

Per acquistare Lezioni di nuoto è possibile collegarsi al sito di Racconti edizioni (qui).

UnknownRohinton Mistry ha sfiorato il Man Booker Prize per ben tre volte con i suoi tre romanzi. Il suo esordio, Lezioni di nuoto, risale al 1987 ed è stato recentemente ripubblicato in Italia da Racconti. Nel 2010 Un lungo viaggio, il suo primo romanzo sulla vita negli anni ’70 di un bancario della comunità parsi a Bombay, è stato cancellato dai programmi dell’Università di Mumbai dopo le minacce e le intimidazioni del gruppo di estremisti nazionalisti Shiv Sena.