Se un personaggio di finzione diventa un bambino vero. Su «Chirù» di Michela Murgia