Su «Lo Scuru» di Orazio Labbate