«Viaggio sul pianeta terra» di Umberto Fiorentino

Umberto Fiorentino è un importante  chitarrista jazz romano classe 1956. Scrive per diletto da circa vent’anni e Viaggio sulla terra è uno dei racconti strappati a questa attività sommersa.

 

«Moglia! Portama a’ggiacca! Div’à uscì!»

Issa dicett’:

«Qua’ giacca! Fa’ccallo! A’ggiacca s’asciupa! Nun tell’ammetta!»

«O’ ditto damma a’giacca! Bbedisc’!»

Chista ì’ steva dicenn’ a mea moglia, chilla sera. Fettivamento faciva callo, mall’a’giacca ne aviv’ abbisogn’ picchè ci aviv’ appundament’ co na’ fimmena bottana, e nun volevo fàcere la figura d’ò pezzent’. Ma chist’ non cello putivo diceri alla mea moglia. E ‘nfatt’ me dimandò tott’ diffidento:

«E duve te ne vaje acch’estora? E’ttarde! Dimane poi dic’ cha’ sì stanco e nun ten’ a fantasia e de alzatt’ dò lietto. Tu non esc’!»

«E chi lo dice cha” nun esc’?»

«Lu dic’ì’!»

C’iarrispusi:

«Cammina! Statt’ zitt’ cha’ è megl’! Mò vedimm’ cha’ te pije a quarche mazzat’! Sobbt’ a lietto! E pulisc’ bbena a casa picchè nun vogl’ acchiù vedè spuricizia! Mò me sò stufat’ e’ campà dint’ a nu’ purcile!»

«Ah te sì stufat’? E allò nun ce turnà proprie, cha’ cussì ì’mma ne staje acchiù comoda! Anze pigghiati tutte cose e vattinni! Maialo! cha’ ta cride cha’ nun llo’ssape addù vaje?»

«Ah, lu’ssape? E ‘ndò vaco?»

«Te ne vaje da chilla grandissima bottana cha’ sta addù bbarr! È accussì cha’ te spenn’ e’ssuord’! Sì a’rruvina e’cchista famigl’!»

Nun ne putiv’ ‘cchiù:

«Bast’! Tira fora st’aggiacca e fa’ ‘mpressa primma cha’ divento a’bbestio! Stattattent’! Forz’!»

Così ci’aggiaditt’, ma mea moglia nun s’amoveva, steva dritt’ dritt’ comma a na scopa cù bracc’ ‘nserrat’.

«Allò? st’aggiacca arriv’?»

«Nun arriv’!»

«Emmò arriveno e’mmazzat’!»

Me levatt’ a cinghi’ e ma facitt’ brutt’ ‘nfaccia. Ma lei nun se decidiv’ a tirà à’fora aggiacca. Allò ì’ pusaje a cinghi’, le mmise e’mmane ‘ncuollo e la  scrullaje comma a n’arbero maturo quann’ se diva fascenne e frutt’. Lei facett’ nu’ suono colla bocc’, facett’ accussì: gahgahhgàhh! e più la scrullav’ più faciv’ gahhahhghgàhh! A nu’ cert’ punt’ mè tirò nu’ schiaff’, ì’ ce dettì nà mazzata ‘ncap’ cha’ la fice stramazzer’ ‘nterra. Quann’ cha’ stette ‘nterra ce dicett’

«E ‘mmo m’addaje aggiacc’?»

«No! Nun te l’addongo!»

Me senntii saliri ossang’ all’uocch’, le ttiraje nu’ carece ‘ncule ch’avrebba accis’ nu’ puorc’. Lei facitt’:

«Ahhh!…»

Quann’ ì’ sentitt’ ahhh… mè prendett’ nu’ ribullire dint’ a’ppanza. Primm’ à li budell’, ropp’ se ne scennett’ addà minchia. Moglia mea se ne stev ‘nterra co’ò cule appizzut’. Ci’aggia sullevat’ a gonn’ e, dànghete ‘ndànghete, fici ò’ddoveri meu. Quann’ me sò alzut’ aggi ritt’:

«Esci fora aggiacca.» Lei se fici nà risatina.

«’E pigliatiell’ sta dint’ ò commò’.»

«Ah! Te sì’mbarata ‘mmò!’»

«Sì, và, và.. aress’ poi puro andà.» E se ne fici n’ata risatina irritanto.

«Tanto te ne arreturn’ ambress.»

I’ capitt’ cha’ voliva segnefecare.

«E cha’ te crid’? cha’ me sò stanguto? Guarda cha’ teng’ e buott’ d’arriserv’!»

«Sì, sì, và a sparà i’buott’ và.»

I’ l’alluccai sprezzanto. Issa dicett’ puro:

«La genta può addurmire tranquill’ cha’ i’mmunizione songo finisciuto, primma cha’ sà sient’ nat’ubuott’ c’ha’ da passà na’ settemana.»

Pigliatt’ a’ggiacca e me n’auscii ‘nnervosut’ a cammenà. Stevo stanc’ e ammosciut’. Stà deficijent’ m’aviva tolto a fantasia cha’ teniv’. Pensatt’: mò me ne agg’ià turnà addù casa e ce rump’ e’ccorna à mazzet’! Invec’ me ne ghietti a’ sces’ longa a passiggià, trasend’ arreta all’uorto. Tant’ addù ‘bbarr che ce andievo affa’, chill’a’ddimonia m’aveva scarrecato ‘ibballe. Accussì me ne stev’ senza sapì che fari. A casa nun ce voliv’ turnà pè nun dalle à suddisfazziona.

A’ nu’ cerito punto, aggiu sentut’ comme à nu’ buott’ e aggiu veduto nu’ lampo n’dù cielo cha’ me dovitt’ ‘nserrà l’uòcche. Quanno l’arrapetti nuovamento ‘nnanzi a mia ce stev’ nu’ ceffo cha’ se n’ira asciut’ da rint’ a nu’ barattulo gicantesc’! Era terribbilo quant’era brutt’. Verdo comm’à a nu’ bruòccolo, co’ ì’ccorna e tre uòcche abbaglianto cha’ parev’ n’automobbilo. Me guardev’ comm’àddì «E tu chi’ssì?»’Mmo’ gguardai e ce ricett’:

«Embè cha’ vuò da mè?» Isso allungò na’zzampa pelosa e cò na’ spice è’ppinza me prendett’ à’mmaneca d’aggiacc’ mea. Ma’ pare cha’ dicett’:

«Popolaziona terrestr’ ì’ venchi da’lluntano assaije, la pacie cha’ m’accumpagn’ ve la recalo.»

«Vatte ‘ddietro!» Ce gridàtt’ ma isso nun se n’ampurtev’.

«Omm’ brutt’, t’aggia ‘vvertut’! Vattinn’ cha’ te’ cunviena!»

Ma isso niento, nun ammullav’ ‘àggiacc’. Lu’ bbrancaije addù cuoll’ e isso accumenciò a fa’: gahgahhgàhh! E più ì’ strigniv’ più isso faciv’: gahhahhghgàhh! Ma la giacc’ nun la lasciev’ Allò ce mullaije ddoije càrece, uno à na’ zzampa e n’otro n’cule, comme isso sè giratt’. Se ne cadett’ cha’ la facc’n’terra facinn’:

«Ahhhhhhhh!» Parev’ cumm’à quann’ c’ha’ sse ‘bbuca nà ruota. Lù muostr’ se ne stiv’ c’òo cule appizzut’. Teniv’ sette o otto buco arreta! M’à sentett’ ribullì o’ssango, me calatt’ ‘è’ccarzune e fici ‘ò’ddoveri meu ‘ndù primm’ buco chà truvaije. Quann’ che ò muostro se sosett’ le dicett’:

«Statt’ attent’ cha’ te scass’ à capa a mazzet’!»

Allò isso se ne salett’ zuppicanto in’dù barattulo e cò nà granda schioppettet’ se ne partett’ ‘ncielo. Allò me ne turnaije addù casa. Quann’ me vedett’ mea moglia dicett’:

«Mbè nun ci sì trasuto addù bbarr?» Ci arrisposi:

«Zitta donno! Chist’ sera mariteto ha fatto ò’ddoveri sojo, e senza pacare manco nà lira!» Ce dicett’:

«Ce sò state è buott’! Buott’ fort! Lù marito tuo è omm’ chà sà dà esse omm’». E lei se ne steva zitt’ zitt’ c’àa faccia zitt’.

Mò quann’ cha’ si fa’ nott’ me ne vaco a’ disces’ longa, e allucco ò cielo, ma muostr’ nun sò più scenduti. Nu’ poco m’addispiace.

 

RISERVATO

Base Templare – 8 – giugno – 1952
Protocollo F14-DG154
Referto n° 235447/0023

Allegato il testo originale trascritto da registrazione – magnetofono – audio n° 5564
Testo, come riportato dal soggetto, n° 1482/44

Di seguito, traduzione effettuata dal Ten. Colonnello Alfa-42

 

«Moglie, portami la giacca, devo uscire.»

Ella mi rispose: 

«Ma quale giacca, fa caldo, la giacca si sciupa, non la mettere.»

«Ma detto dammi la giacca! Obbedisci!»

Questo dissi a mia moglie, quella sera. Effettivamente faceva caldo ma avevo bisogno della giacca perché avevo un appuntamento con una prostituta e non volevo fare la figura del non abbiente. Ma questo, a mia moglie, non lo potevo dire. Difatti lei mi domandò con fare sospettoso:

«E dove te ne vai a quest’ora? È tardi, domani poi dirai che sei stanco e non avrai voglia di alzarti dal letto, tu non esci!»

«E chi lo dice che non esco?»

«Lo dico io!»

«Avanti! È meglio che stai zitta! Non costringermi a darti qualche scapaccione! Vai subito a dormire! E pulisci meglio la nostra casa in quanto non intendo più vedere sporcizia! Mi sono stancato di vivere in un letamaio!»

«Ah, tu ti sei stancato? E allora faresti bene a non fare ritorno, così almeno starò più a mio agio. Anzi prendi con te la tua roba e vai via! Sudicio! Cosa credi ch’io non sappia dove stai andando?»

«Ah, ne sei al corrente? E dove sto andando?»

«Te ne vai da quella grande meretrice che si trova al bar! È così che dilapidi i nostri soldi! Sei la rovina di questa famiglia!»

Ero esausto:

«Basta! Tira fuori in fretta questa giacca prima che io mi indisponga sul serio! Stai attenta, orsù!»

Così parlai ma mia moglie non si muoveva, stava diritta come il manico di una scopa, con le braccia incrociate.

«Allora? Arriva questa giacca?»

«Non arriva!»

«E allora arrivano le percosse!»

Mi tolsi la cinghia dei calzoni e mi dipinsi in viso un’espressione feroce. Ma lei non si decideva a darmi la giacca. Allora posai la cinghia, le strinsi le mani al collo e la scossi come si fa con un albero quando si devono far cadere i frutti maturi. Lei emise  dalla bocca un suono come questo: «Gahgahhgàhh!» Più la scuotevo e più lei faceva: «Gahhahhghgàhh!»

D’improvviso mi schiaffeggiò, io la colpii talmente forte sulla testa che cadde al suolo. Quando fu a terra le dissi:

«Ora mi consegnerai la giacca?»

«No, non te la do!»

Mi sentii salire il sangue agli occhi, le infersi un calcio sui glutei capace di uccidere un maiale. Lei fece: «Ahhh!….» Quando io udii «Ahhh!….» avvertii un rimescolio allo stomaco. Prima si manifestò alle budella, poi passò agli organi genitali. Mia moglie stava in terra con le terga in evidenza. Le sollevai la gonna e là per là feci il mio dovere. Quando mi rialzai dissi:

«Dammi la giacca!»

Lei fece un riso sommesso. «Prenditela, sta nel guardaroba.»

«Ah! Vedo che te ne sei fatta una ragione!»

«Sì, sì… adesso puoi anche andare.» Fece un’altra risatina indisponente.

«Tanto sarai presto di ritorno.»

Capii a cosa voleva alludere.

«Cosa credi? Che mi sia stancato? Sappi che non sono sprovvisto di altri colpi»

«Sì, certo, vai a sparare, vai.»

La guardai sprezzante. Lei aggiunse:

«La gente potrà dormire sonni tranquilli, le munizioni sono terminate, prima che si udrà un altro colpo passerà una settimana.»

Presi la giacca e uscii innervosito a fare una passeggiata. Mi sentivo stanco e avvilito, quella stolta mi aveva privato della voglia che provavo. Pensai: ora torno dentro e le do una lezione. Invece me ne andai verso la discesa lunga, passando dall’orto sul retro. Al bar non mi sentivo di presentarmi così scarico.

Rimasi così, senza sapere cosa fare. Non volevo tornare a darle questa soddisfazione. D’improvviso ho udito come una deflagrazione, mentre nel cielo un bagliore mi impose di chiudere gli occhi. Quando li riaprii innanzi a me si trovava uno strano essere uscito da un gigantesco contenitore metallico. Le sue fattezze gli conferivano un aspetto spaventoso. Verde come un vegetale, aveva le corna e tre occhi luminosi che lo rendevano simile a una macchina. Mi guardava sembrando volermi dire: «Chi sei tu?»

Lo guardai dicendo: «Cosa vuoi da me?» Egli allungò un arto munito di pinza afferrando la manica della mia giacca. Mi sembrò che pronunciasse queste parole: «Popolazione terrestre, vengo da molto lontano portando con me la pace, questo è il mio dono».

«Allontanati!» gridai ma lui non cambiò atteggiamento. «Ti ho avvertito, ti conviene ritirarti.» Egli non diede segno di capire, continuando a ghermire la mia giacca. Lo afferrai al collo ed egli iniziò a fare: «Gahgahhgàhh!» Più io stringevo e più lui faceva: «Gahhahhghgàhh!» Ciononostante non lasciò la giacca. Allora gli affibbiai due calci, uno a una zampa, l’altro, diretto alle terga, mentre egli si girava. Cadde con la faccia in terra esclamando: «Ahhhhhhhh!»

Sembrava il suono di una foratura di pneumatico. Il mostro se ne stava con il deretano esposto, era fornito di sette o otto orifizi! Mi sentii ribollire il sangue, mi slacciai i calzoni e feci il mio dovere utilizzando il primo pertugio che trovai. Quando la creatura mostruosa si rialzò le dissi: «Presta attenzione perché sono in grado di nuocerti gravemente al capo». Allora rientrò claudicando dentro il grande contenitore metallico e con una forte esplosione prese la strada del cielo.

Così ritornai a casa. Quando mia moglie mi vide disse: «Non sei stato al bar?» Le risposi: «Taci donna! Questa sera tuo marito si è fatto onore, e senza ricorrere a pagamenti mercenari». Le dissi anche: «I colpi ci sono stati, e di forte intensità! Tuo marito è un vero uomo!» Lei rimase senza parole. Adesso, quando viene la notte, vado alla discesa lunga e scruto il cielo, ma nessun essere mostruoso si è fatto più vivo. Un poco ne provo dispiacere.