Su «La confessione di Memory» di Petina Gappah

Stefano Friani