Nelle tensioni originarie. Su «Somiglianze» di Milo De Angelis