Su «Primo amore e altri affanni» di Harold Brodkey

Michele Orti Manara