«L’approdo», la schiavitù e gli aspirapolvere giganti di Shaun Tan