«Eileen» di Ottessa Moshfegh è un’acqua cheta?

Stefano Friani