«La Stanza Profonda». Non si esce mai, davvero, dal dungeon