Su «Stelle ossee» di Orazio Labbate

Roberto Galofaro