«Sabbie bianche» e Geoff Dyer, una Questione di sguardi