Elegia del trumpismo. Con J.D.Vance la working class bianca si tinge d’arancio

Stefano Friani

Il titolo italiano, Elegia americana (traduzione di Roberto Merlini, Garzanti), trasmuta il memoir di J.D. Vance non in un’autobiografia di un hillbilly, come nella versione originale, ma nella confessione di un americano e ‒ si sarebbe tentati dal dire ‒ dell’americano, non si sa quanto medio ma si può immaginare quanto «ideale». Gli hillbilly o […]