«Falce senza martello»: la nuova generazione russa e la short story