Primo inserto narrativo

Stefano Riccesi

Il suo corpo adagiato su pietra di lava, a precipizio su un mare cobalto, riprende a respirare come pane amato dal calore del buio.
Negli occhi ha soltanto fiamma cristallizzata in ambra, restano chiusi perché la notte non ne sia turbata.

Tutti i serpenti sono addormentati, così giunge l’aquila e gli si appoggia sul ventre.
È cieca, ma sente l’odore.
Ha riconosciuto il pasto che gli è stato destinato.

Il mattino non verrà ma, se venisse, i nomadi troverebbero le stelle restanti, residui non destinati al rapace ma soltanto al cielo.

Silvia De Giorgi_ Untitled_ Landscape Pieces

Silvia De Giorgi, «Untitled», Landscape Pieces.