I libri del 2020 – Altri Animali

Redazione

Ecco qui i libri più interessanti del 2020 secondo la redazione di Altri Animali. Buone letture!

S04_gio24_Libri2020_PIATTO

László Darvasi
La leggenda dei giocolieri di lacrime
il Saggiatore

Traduzione di Dóra Várnai

Ungheria seicentesca e 600 pagine, cinque giocolieri a bordo di un carro con una lacrima blu. Piangono ghiaccio pietre miele sangue e specchi (ma non sempre), si chiamano Goran Dalmatinac, Péter Feketekő, Zorán Vukovics, Aaron Blumm e Franjo Mendebaba (ma non per sempre); «il loro pianto è un’unica storia». La leggenda dei giocolieri di lacrime è un labirinto di diavoli; il sesso è palude, il corpo è uno squarcio e l’uomo la sola miserrima creatura attraverso cui esiste il racconto. Ed è entusiasmante.

Eleonora Daniel

S04_gio24_Libri2020_PIATTO2

Brian Phillips
Le civette Impossibili
Adelphi

Traduzione di Francesco Pacifico

Se dovessi puntare solo su un romanzo, non avrei dubbi: Guerra e guerra di Krasznahorkai. Ma in questo annus horribilis la non-fiction è stata preponderante su tutto, e non mi riferisco solo alla letteratura. Quindi la mia scelta è ricaduta su Le civette Impossibili di Brian Phillips. Che sia l’Alaska, il sumo giapponese, le tigri indiane o l’Area 51, l’autore ha la capacità di rendere interessante qualunque cosa, trasformando i suoi reportage in piccoli romanzi grazie ad una scrittura superba. In America l’hanno accomunato a Americani di John Jeremiah Sullivan, e in effetti queste due raccolte di essays hanno molti punti in comune tra loro. Phillips è diretto, ironico, pop, privo di manierismi. Del tipo: entro. Spacco. Esco. Ciao. Una lettura che consiglio a tutti.

Marco De Laurentis

S04_gio24_Libri2020_PIATTO3

Bryan Washington
Lot
Racconti edizioni

Traduzione di Emanuele Giammarco

Una voce che passa dal linguaggio volutamente sporco a espressioni eleganti senza risultare fuori controllo; racconti che funzionano benissimo da soli, ma che compongono un unico percorso di formazione; un punto di vista coinvolto e lucido su razzismo, gentrificazione e scoperta di sé. Lot è pieno di tecnica e talento, ma nessuno dei suoi elementi diventa mai più importante della storia che stiamo leggendo. Washington è un narratore puro, e il suo è il libro più bello che ho letto quest’anno.

Leonardo Ducros

S04_gio24_Libri2020_PIATTO4

Kevin Barry
L’ultima nave per Tangeri
Fazi Editore

Traduzione di Giacomo Cuva

Il nome Tangeri evoca subito la strana coppia Jane e Paul Bowles («Paul e io siamo così incompatibili che dovremmo stare in un museo»), ma per la città marocchina ci sono passati tutti: Kerouac, Burroughs, Purdy, Tennessee Williams, Patricia Highsmith, Truman Capote. Kevin Barry, quello dei racconti di Il fiordo di Killary (Adelphi) che sognava di diventare il più grande scrittore ebraico della sua generazione («solo che per un ventenne lentigginoso di Cork, Irlanda, la faccenda si presentava un po’ complicata»), decide di sfiorarla soltanto in L’ultima nave per Tangeri (traduzione di Giacomo Cuva, Fazi). Due malavitosi ancora nel giro nonostante gli anni si ritrovano al terminal dell’ultimo battello per l’Africa a scambiarsi battute mordaci in un vernacolo fittissimo, alzando il volume del craic in una situazione che più beckettiana non si può, nell’attesa che Caronte salpi per l’ultima volta.

Stefano Friani

S04_gio24_Libri2020_PIATTO5

Bernardine Evaristo
Ragazza, donna, altro
Sur

Traduzione di Martina Testa

Libro dell’anno per i temi, certo, ma la letteratura non è una parrocchia e questo libro non è una predica: lo è per la scrittura unica, che viaggia sul duplice binario della prosa e della poesia. Difficilmente esiste un libro più libro dell’anno di questo, almeno in Italia, e infatti dovreste trovarlo in tutte le liste così come lo avete trovato in quelle anglofone lo scorso anno, quando ha portato la prima scrittrice nera inglese per la prima volta a vincere il Booker Prize. Voto: Pietra miliare.

Roberto Galofaro

S04_gio24_Libri2020_PIATTO6

Riccardo Falcinelli
Figure. Come funzionano le immagini dal Rinascimento a Instagram.
Einaudi Stile Libero

In architettura si chiama eclettismo, in musica mash-up, in libreria FigureLa combinazione, o mescolanza, di arte, fotografia, cinema, ma anche pubblicità, moda, social, dal Cinquecento a oggi, per spiegare non cosa significano, ma il meccanismo, il loro funzionamento. Come guardiamo le cose oggi? Come le pensiamo? Come le viviamo? Che tipo di fruitori e produttori di immagini siamo diventati? L’arte di vedere l’arte come design, come oggetti progettuali in relazione alla società. Consigliato a chi le immagini le inventa, e a chi le vuole capire: è la grammatica delle immagini che prima non c’era.

Florinda Giannino

S04_gio24_Libri2020_PIATTO7

Fran Ross
Oreo
Sur

Traduzione di Silvia Manzio

Fran Ross giunge dallo psichedelico 1974 a stemperare l’amaro 2020 con il suo dissacrante post-soul humor. Oreo è un pasticciaccio postmoderno che sviscera il linguaggio, infrange i costrutti narrativi e rovescia in maniera rocambolesca attualissimi stereotipi di razza e genere. Suggerendo nuovi modi di ridere e pensare, indica la via per sbrogliare la complessa questione identitaria e senza l’aiuto di ammiccamenti o il peso di bronci seriosi, ne rivela le assurdità, i conflitti e la bellezza.

Giulia Martinez

S04_gio24_Libri2020_PIATTO8

Claudio Giunta
Le alternative non esistono. La vita e le opere di Tommaso Labranca.
il Mulino

Claudio Giunta recupera sperimentalismi e contraddizioni della vita intellettuale di Tommaso Labranca, ne scrive con precisione e viva curiosità saggistica. Debordante e raccolto, periferico e centrale, Labranca ha rappresentato l’alternativa impossibile di fare critica culturale senza esoterismi accademici o posture midcult. Non era insomma né un romanziere né un professore, solo un raffinato conoscitore della cultura di massa, un umanista fragilissimo capace di prendersi in carico la realtà.

Emanuele Martino

S04_gio24_Libri2020_PIATTO9

Jan Brokken
I giusti
Iperborea
Traduzione di Claudia Cozzi

«A volte ci si ritrova di fronte a una scelta impossibile e per decidere si ha solo una frazione di secondo». Fuggire? E per dove? Aiutare? E come? I Giusti è la storia di alcuni diplomatici e di tanti esuli ebrei, tutti egualmente sperduti nell’Europa della Seconda guerra mondiale. È un’epoca di ferro ma capace ancora di grande grazia: Kaunas rivive sotto i nostri occhi, così come la Transiberiana, Kōbe e il ghetto di Shanghai. Un racconto di esperienze caleidoscopiche e trascinanti, drammatiche, certo, ma anche caparbie, e che danno voglia di stare al mondo.

Alberto Pellegrini

S04_gio24_Libri2020_PIATTO10

 

Margaret Atwood
Tornare a galla
Ponte alle grazie

Traduzione di Fausta Libardi

Tornare a galla è un libro un po’ sghembo. Nella prima parte è fermo, prudente nei temi, timoroso; nella seconda esplode in una scrittura arruffata e disordinata, è un ruzzolare giù dalla montagna. L’ho letto a diverse velocità, interrompendo e tenendo ben a mente questo romanzo da consultazione, tra le cui pieghe si nasconde un piccolo saggio sul binomio dentro/fuori, maschio/femmina, civiltà/natura, istinto/ragione. Non lo leggi per la bella scrittura e questo è un sollievo.

Giulia Priore

S04_gio24_Libri2020_PIATTO11

Nicola Lagioia
La città dei vivi
Einaudi

Percorso da un’urgenza famelica di capire e di capirsi, La città dei vivi ha i connotati di un evento, un’occasione rara di fermarci a pensare. È un libro magnetico. Le pagine scorrono con un senso di ineluttabilità, come se le azioni dei protagonisti fossero dettate dalle leggi del determinismo, non dalla volontà dei carnefici o dell’autore, attirato fatalmente nell’abisso della città e di una delle sue cronache più atroci. Nulla di nuovo può succedere a Roma ma tutto si può ancora raccontare.

Giuseppe Putignano

S04_gio24_Libri2020_PIATTO12

Kawakami Mieko
Seni e uova
edizioni e/o

Traduzione di Gianluca Coci

La capacità di un corpo di portare a compimento una gravidanza e di allattare un bambino – il possesso cioè di seni e uova – determina il destino di quel corpo? Per la scrittrice Natsuko, protagonista di Seni e uova di Kawakami Mieko (edizioni e/o, traduzione di Gianluca Coci), la maternità e il sacrificio di sé sembrano incapsulare l’esperienza femminile. Ma Natsuko si chiede anche se il seno e le uova possano essere strumenti di liberazione: cosa rende libera una persona? Con un’edificante mancanza di sentimentalismo Kawakami si concentra quasi esclusivamente su personaggi e spazi femminili, sulla maternità e le difficoltà economiche, i piccoli appartamenti e gli anfratti urbani. Il premio Mainichi Publishing Culture conferma l’importanza della scrittrice, il cui pensiero affilato e una grazia non comune nel combinare ora il dialetto ora un tratto lirico ne fanno un’autrice più unica che rara. Come dirà nel romanzo la sua editor a Natsuko, questa unicità «sta nello stile, nella sua eccelsa qualità e nel ritmo». Ecco, di stile Kawakami ne ha da vendere.

Giorgia Sallusti

S04_gio24_Libri2020_PIATTO13

China Miéville
Gli ultimi giorni della nuova Parigi
Fanucci

Traduzione di Pierluigi Fazzini

Nella nuova Parigi di China Miéville ci sono Yves Tanguy e Aleister Crowley, André Breton, e Jack Parsons. Ci sono i nazisti e la Resistenza. C’è una bomba che esplode e che folgora la realtà. Le opere immaginate dai surrealisti si materializzano. I cadavre exquis prendono vita; si mischiano a entità demoniache, a poeti e militanti. Finalmente è stato tradotto in Italia uno dei libri più deliranti e riusciti del weirdverso dello scrittore britannico. Ma l’ucronia selvaggia di Miéville non è priva di una dimensione politica. È anzi un gioco fin troppo serio. Anche perché, come dice il protagonista Thibault, «giocare è l’insurrezione tra le macerie della possibilità oggettiva».

Simone Sauza

S04_gio24_Libri2020_PIATTO14

Carlo Rovelli
Helgoland
Adelphi

Helgoland di Carlo Rovelli: 200 pagine densissime di idee, concetti, personaggi, da Heisenberg a Nāgārjuna passando per Mach, non cronologicamente ma con la levità di una conversazione. Il tutto volto a spiegare l’interpretazione relazionale della fisica quantistica: la descrizione che possiamo dare della realtà è un riflettersi di prospettive, tutte parziali. Un punto di vista dall’esterno, assoluto, non c’è. È il mio libro dell’anno perché, anche quando ogni giornata sembrava uguale a sé stessa, mi ha regalato curiosità e voglia di approfondire. E perché ci dice di rinunciare alle strutture immutabili e prestabilite: in un certo senso, ogni cosa che facciamo conta. L’essere è azione, e interazione.

Silvia Seminara

S04_gio24_Libri2020_PIATTO15

Giorgio Fontana
Prima di noi
Sellerio

L’impressione che si prova leggendo Prima di noi di Giorgio Fontana, Sellerio 2020, è quella di percorrere un secolo, ma anche altre sono le sensazioni che scaturiscono quando si rimane impigliati in queste ambiziosissime novecento pagine. La famiglia Sartori si forma, migra, combatte, muore e si innamora, mentre l’Italia cambia e il Novecento si dispiega. Fontana non crea una mitografia intorno a questa famiglia, ma delinea dei personaggi la cui educazione sentimentale e il realismo rafforzano l’immedesimazione del lettore stimolandone ricordi e sensibilità. La storia dei Sartori è la storia del Novecento italiano percorsa con una scrittura limpida, che non lascia nulla al caso e che ci fa amare il romanzo nella sua forma più autentica.

Roberta Sofia