Survivalismo di lusso pienamente automatizzato. Mark O’Connell e l’apocalisse

Simone Sauza