Afonsinho, «O meio de campo» e anche il più libero

Claudio Metallo