Su «La scuola di ballo» di Arturo Loria