Borges: la letteratura come battaglia e i magnifici idioti