«Racconti raccontati due volte»: ovvero la novella secondo Hawthorne