Su «I vagoni rossi» di Stig Dagerman e l’universalità del racconto

Paola Lorenzini