Su «Racconti in un palmo di mano» di Kawabata Yasunari