«Sono il guardiano del faro»: il viaggio senza ricerca della verità