Mia Alvar, donne forti e lavori invisibili. Nota di traduzione