Harry Potter, il brand patinato: apologia di un finto progressismo