Su «I sogni della città bianca» di Sergio Atzeni