Skip to main content

Teddy Killer è un artista poliedrico, classe ’87, nato nel quartiere romano del Quadraro: cresciuto a pane e manga giapponesi ha fatto del disegno una ragione di vita surfando attraverso diversi stili e tecniche: spray e stencil fino al tratteggio con pennelli e acrilici e alla maturità dei graffiti, oltre ai nuovi interessi per i tatuaggi. Tela e carta ma soprattutto pareti da animare con figure di animali dalle caratteristiche umanoidi. Specialmente orsi attraverso i quali i tratti degli esseri umani si manifestano con aria sorniona e materna oppure feroce.

walter 5

Nei lavori dell’artista nato a Lima traspare senza remore la traccia delle sue origini Inca.  In particolare attingendo alle tecniche di decorazione dei tessuti attraverso giochi di colore tramandate fino a oggi. Molte opere di Teddy Killer, infatti, proiettano in un mondo di sagome andine fatte di tessuti con un’ampia varietà di disegni e ricche di figure animali o di sfondi dalle complesse composizioni geometriche. Lo si può notare in Mister Megik, opera realizzata per la mostra appena conclusa Bestiarium, presso il Museo Civico di Zoologia a Roma. Il progetto della mostra è nato dallo street artist Omino 71 e dallo scrittore Stefano Cristi che hanno organizzato nelle scuole dei laboratori di disegno per bambini. Prendendo spunto dal Manuale di zoologia fantastica di Jorge Luis Borges, i bambini hanno realizzato 31 disegni di nuovi animali inventati che poi sono stati rielaborati, oltre che da Teddy Killer, da altri street artists di livello nazionale e internazionale come Lucamaleonte, Hogre e Julieta XLF tra gli altri.

 

teddy 2

Mister Megik

Se in Mister Megik ritroviamo l’anima onirica e insieme fantastica dell’artista, nel disegno proiettato su Porta del Popolo in Piazza del Popolo a Roma, emerge la dimensione del reale che fonda l’opera di Teddy Killer. La proiezione è solo una tappa di una serie di riproduzioni effettuate a Roma tra il 2014 e il 2015 a margine dell’iniziativa LUCE – diversità ed energia.  L’operazione era stata pensata per dare una risposta alla crescente ondata di ostilità nei confronti di stranieri e profughi. Per questo la scelta di proiettare le opere, oltre che in Piazza del Popolo, nei quartieri multietnici della Capitale come Tor Sapienza, Torpignattara e Pigneto.
Alla base del disegno proiettato c’è quindi una riflessione profonda sul concetto di diversità operato da Teddy Killer. La diversità degli animali rispetto all’uomo è al tempo stesso la dimostrazione che gli istinti di solidarietà e cura dell’Altro sono irrinunciabili sia per gli uomini che per gli orsi.

walter 9 1

L’esperienza visiva all’interno delle creazioni dello street artist è un percorso multicromatico e multistilistico che catapulta in uno scenario dalle atmosfere animalesche e umanizzate insieme. Un viaggio che dal Perù a Roma fa tappa in Giappone e respira l’humus internazionale della street art.

One Comment

  • Shasta ha detto:

    Hi! I know this is kind of off topic but I was wondering which blog platform are you using for this website?
    I’m getting sick and tired of WordPress because I’ve had issues with hackers
    and I’m looking at options for another platform.
    I would be great if you could point me in the direction of a good
    platform.

Leave a Reply